In evidenza


Calcio e salute: a Cesena la giornata dell’equilibrio vincente

Calcio e salute: a Cesena la giornata dell’equilibrio vincente

All’Orogel Stadium Dino Manuzzi un fun village ed un convegno sull’educazione alimentare

 

A Cesena è stata celebrata la corretta nutrizione, il giusto stile di vita che ogni persona dovrebbe mettere tra le sue priorità, soprattutto i giovani, in modo da garantirsi un’esistenza piena di energie positive e di salute. Sulla scia dell’imponente campagna di educazione alimentare, promossa dalla FIGC – Lega Nazionale Dilettanti con la collaborazione scientifica della Federazione Medico Sportiva Italiana, “Nutrizione è Salute”, la “casa – base” del calcio dilettantistico nazionale ha voluto proseguire  l’opera di divulgazione di quelle che sono le coordinate essenziali di una corretta dieta dello - e per lo - sportivo. Nella giornata dedicata a sostenere la diffusione di abitudini corrette e salutari nell’Orogel Stadium Manuzzi, con la partecipazione di Amadori,Orogel ed Acquaviva, è stata anche forte, fortissima, la presenza del Governo, attore protagonista in questa “partita” che ha sposato il progetto fin dalla sua nascita. In occasione del Convegno “L’Educazione Alimentare dai Territori all’Europa”, patrocinato da FIGC – LND in collaborazione dell’FMSI e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è infatti intervenuto anche il Sottosegretario Onorevole Sandro Gozi. Sul prato verde dello stadio, intanto, spazio al divertimento per i tantissimi bambini dei settori giovanili grazie ad un allestimento ad hoc di minipitch, gonfiabili e tanto altro. Ad aprire il convegno, moderato da Fabio Benaglia del Corriere di Romagna, il presidente della Lega Nazionale Dilettanti Antonio Cosentino che ha ribadito il proprio impegno sul fronte della prevenzione e del benessere in generale dei propri tesserati: “Il nostro impegno? I valori più pregnanti della vita” ha così dichiarato,  aggiungendo: “La salute, oltre che la sicurezza dei nostri calciatori e di tutto il ‘sistema’, rappresenta il faro di tutte le nostre iniziative. Ringrazio l’Onorevole Gozi, quì presente, che dà forza al nostro obiettivo comune; accompagnare i nostri giovani a compiere scelte e condotte responsabili. Solo insieme possiamo farcela e noi siamo in prima linea senza se e senza ma”. Non poteva inoltre mancare il sostegno del Sodalizio locale del presidente Lugaresi. Per i bianconeri  presenti il DG del Cesena Gabriele Valentini ed il Direttore Sportivo del Settore Giovanile Luigi Piangerelli, ex calciatore di grande livello, il quale ha sottolineato l’importanza dell’alimentazione nello sport e di quali passi da gigante siano stati fatti negli ultimi tempi. Il Direttore Valentini invece, ha ricordato quanto oggi la fatica dei calciatori sia maggiore rispetto al passato e come un giusto sostegno dietetico sui 7 giorni, giochi un ruolo decisivo nei tempi di recupero e non solo. Il momento degli approfondimenti, per la numerosa platea intervenuta nella Club House del Cesena Calcio, è stato affidato alla nutrizionista Sara Biondi, mentre alla collega Valeria Formisano, della ‘Mangiobene, società portata avanti insieme a Silvia Cutolo, è stata consegnata la “didattica” nel village per i giovani calciatori. Le due nutrizioniste hanno parlato di sport e di equilibrio vincente da raggiungere per mezzo di una cultura matura di quelle che sono le condotte alimentari sempre più attente e sempre più “mediche”. Il compito di chiudere i lavori è andato al Sottosegretario Sandro Gozi che ha voluto ribadire quanto il Governo sia sensibile a questo tema ed a quello dello sport in generale, ritenuto ambito di vitale importanza. “Ringrazio il presidente Cosentino per tutto quello che sta facendo insieme alla Lega di cui è primo esponente. E’ una persona straordinaria – dichiara l’Onorevole – che non si risparmia nel perseguire la mission dell’educazione ai valori positivi. E’ lui che ci ricorda come la cosa più importante del calcio e dello sport, sia quella di stare insieme, di condividere, di apprendere il rispetto reciproco e di ‘passare la palla’ ai compagni di gioco e di viaggio altrimenti, si perde. Ringrazio Orogel ed  Amadori, grandi realtà del territorio, che lavorano ogni giorno con la massima dedizione per farci mangiare bene e sano. Il tema della nutrizione è ormai al centro del dibattito nazionale ed internazionale. Se è vero che solo in Italia, il paese del buon cibo e della dieta mediterranea, abbiamo un 10% di obesi in fascia pre-adolescenziale, si comprende alla perfezione quanto sia fondamentale sostenere iniziative come questa della LND”.  L’importanza di un economia basata su un modello di azienda consapevole e responsabile è stata infine presentata a tutti i presenti dagli inteventi di Francesca Amadori, Resp. Corporate Communication dell’azienda di famiglia e di Bruno Piraccini, Amministratore Delegato del Gruppo Orogel.

Orogel ed Amadori, marchi di qualità e responsabilità

A fare gli onori di casa nel dibattito avvenuto nel Club House del Cesena Calcio, un’azienda del calibro della Orogel, realtà nazionale di prestigio impegnata quotidianamente nell’offerta di gustosi prodotti naturali al contempo sani e freschi per dare garanzia di benessere ai propri clienti. Al convegno “L’Educazione Alimentare dai Territori all’Europa”, organizzato con la collaborazione della Lega Nazionale Dilettanti, della Federazione Medico Sportiva Italiana e della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’AD dell’azienda Bruno Piraccini ha salutato con soddisfazione il messaggio principale dell’iniziativa, il cuore dell’impegno di tutti gli attori presenti: “Siamo stati onorati di ospitare questo evento nella nostra casa sportiva, nell’Orogel Stadium Dino Manuzzi, proprio per dare il massimo risalto al connubio tra sport ed alimentazione. Riteniamo che ogni azienda, oltre alla produzione di qualità, abbia il compito ed il dovere di fare formazione rispetto ai corretti stili di vita per le giovani leve. Nel nostro caso – aggiunge – un core business fatto di verdura, frutta e surgelazione, processo in grado di conservare la massima freschezza da consumare in qualsiasi periodo dell’anno, ci fa sentire a casa nell’essere al fianco della LND e delle iniziative governative riguardanti l’alimentazione dei giovani. La pratica sportiva insieme ad una conoscenza di quello che deve essere una sana dieta, non può che produrre adulti più sani garantendo un’esistenza sicuramente più felice”. Sostegno massimo alla diffusione della campagna e altro partner di altissimo profilo, anche dall’Azienda Amadori, realtà locale che ha ormai conquistato il mercato nazionale grazie alla sua filosofia improntata alla sostenibilità. A sottolineare l’approccio di una casa consapevole del fatto che la propria attività di impresa ha impatto sul mondo circostante e sulla salute dei propri clienti come la Amadori, era presente la Responsabile Corporate Communication Francesca Amadori: “Siamo ormai una delle realtà agroalimentari più grandi del nostro paese che può vantare oltre un miliardo di fatturato, 2400 dipendenti e sedi sparse in tutto lo stivale. Abbiamo quindi una grande responsabilità, proprio come la Lega Nazionale Dilettanti con i sui tantissimi tesserati, che ci impone un salto qualitativo in senso culturale; produrre qualità ovviamente ma anche impegno in comunicazione su quelli che sono i cardini di una corretta alimentazione. Per questo motivo sposiamo in pieno iniziative come quelle promosse dalla Lega Nazionale Dilettanti e tante ne promuoviamo anche noi. Andiamo nelle scuole per offrire le basi, le abitudini corrette fin dalla tenera età e lo facciamo insieme agli insegnanti, ai medici nutrizionisti, ai pediatri anche per generare una letteratura scientifica adeguata e mirata allo scopo. Per noi, produttori di carne bianca, la bibbia resta la dieta mediterranea con le sue proprietà. Lavoriamo anche da anni sulla tracciabilità del prodotto sempre per garantire italianità e qualità. Contrastare il fenomeno dell’obesità, come ha ricordato anche l’Onorevole Sandro Gozi, è una partita da vincere tutti insieme passandoci la palla”.